Attualità
gli interventi

Siccità: oggi la cabina di regia regionale deciderà come spendere i 10 milioni stanziati dal Governo

L'idea è quella di dividere la regione in quattro macroaree e agire su tutte le province.

Siccità: oggi la cabina di regia regionale deciderà come spendere i 10 milioni stanziati dal Governo
Attualità Modena, 08 Luglio 2022 ore 10:49

MODENA - Dopo la decisione presa nei giorni scorsi di dichiarare lo stato di emergenza regionale dovuto alla siccità prolungata, la cabina di regia oggi si prepara a stilare il piano di interventi finanziato dal Governo con 10,9 milioni euro, a fronte di un fabbisogno stimato per le sole urgenze di 13 milioni e 700 mila euro.

La cabina di regia prepara il piano di interventi per la siccità

"Dopo il via libera del Governo, ora la Regione lavorerà altrettanto celermente per definire il Piano degli interventi in stretto raccordo con i soggetti attuatori e i territori, per poi sottoporlo all’approvazione del Dipartimento nazionale. - Ha affermato l’assessora regionale alla Protezione civile, Irene Priolo. - Agiremo su quattro macroaree, intervenendo in tutte le province puntando per esempio, per quanto riguarda l’idropotabile, a ottimizzare le captazioni da sorgenti o pozzi che attingono in falda, oltre che a prelievi dal Po a livelli più bassi di quelli attuali".

I punti cruciali

Il primo punto da colmare sarà la ricognizione del fabbisogno, per quanto riguarda gli interventi urgenti e l'assistenza alla popolazione offerta nelle scorse settimane.

In secondo luogo, vi è la richiesta di quasi 23 milioni di euro per interventi di riduzione del rischio residuo, da cui gli oltre 36 milioni complessivi inseriti nella richiesta di stato d’emergenza firmata dal presidente Stefano Bonaccini e inviata a Roma dalla Giunta regionale. Cantieri non finanziabili in questa prima fase dello stato di emergenza, per la maggior parte (16 milioni e mezzo) relativi all’idropotabile, il resto al comparto irriguo.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter