Cronaca
gli aggiornamenti

Bambino caduto dalla finestra a Soliera: omicidio volontario è l'accusa per la babysitter

Secondo quanto detto dalla sua avvocata, in fase di interrogatorio la ragazza non è stata capace di dire nulla perché in stato confusionale.

Bambino caduto dalla finestra a Soliera: omicidio volontario è l'accusa per la babysitter
Cronaca Carpi e Bassa, 01 Giugno 2022 ore 10:59

SOLIERA - Proseguono le indagini sulla vicenda che ieri, 31 maggio 2022, ha visto un bambino di un anno precipitare da una finestra. I genitori del piccolo si trovavano al lavoro e in casa con lui c'erano la colf e la babysitter, quest'ultima arrestata con l'accusa di tentato omicidio.

La babysitter accusata di tentato omicidio

Monica Santi, 32 anni, incensurata, laureata in Economia e Commercio, nel pomeriggio di ieri è stata portata in caserma con l'accusa di aver lanciato il bambino da una finestra dall'altezza di circa di tre metri. A notare il corpo "addormentato" del piccolo nel cortile un vicino di casa, che dice di non aver visto altro.

Le indagini, affidate al sostituto procuratore Pasquale Mazzei, non lasciano trapelare troppi dettagli. Ciò che è emerso è che, in fase di interrogatorio, la ragazza si è mostrata in stato confusionale, senza riuscire a proferire parola: "E' sotto choc, l'interrogatorio è durato pochissimo perché la mia assistita è in completo stato confusionale, quasi incapace di parlare" ha detto Francesca Neri, la sua avvocata.

La ragazza adesso si trova in carcere in attesa dell'udienza di convalida.

Un gesto volontario

Secondo quanto affermato dalla colf, non si è trattato di un incidente, bensì di un gesto volontario che lascia increduli tutti, anche la nonna del piccolo, che racconta che la ragazza lavorava per la famiglia dal mese di gennaio e non ha mai mostrato segni di squilibrio.

Non si pronuncia oltre, ma lei e i due giovani genitori sperano soltanto che il bimbo si riprenda, come anche il sindaco di Soliera Roberto Solomita: "Sono scioccato, è una vicenda che per ora è incomprensibile: bisogna solo attendere che giungano notizie rassicuranti per il piccolo".

In miglioramento le condizioni del bambino

Il piccolo è ricoverato all'Ospedale Maggiore di Bologna, dove è arrivato in eliambulanza in condizioni critiche, riportando un trauma toracico e delle fratture. La prognosi è riservata, ma i medici sono ottimisti ed hanno comunicato ai genitori che le sue condizioni si sono andate via via stabilizzandosi.

 

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter