Cronaca
il gesto surreale

Mirandola, il segretario dei giovani Pd sfregia il monumento del sisma e lo posta su Instagram

Il video ritraeva il 18enne, sulle note di Vivaldi, mentre strappava i fiori deposti sul monumento.

Mirandola, il segretario dei giovani Pd sfregia il monumento del sisma e lo posta su Instagram
Cronaca Modena, 12 Agosto 2022 ore 11:07

MIRANDOLA - Nella notte tra il 10 e l'11 agosto a Mirandola l'installazione alla memoria delle vittime del sisma emiliano del 2012, che fece 28 vittime nelle due scosse del 20 e 29 maggio, è stata sfregiata da atti vandalici. Nel corso della giornata di ieri, a seguito di una denuncia da parte dell'Amministrazione Comunale, è emerso come l'artefice dello sfregio sia stato il 18enne Marouan Satte, segretario dei Giovani Democratici della Bassa Modenese.

Sfregia il monumento del sisma e lo posta su Instagram

Risalire all'identità del ragazzo non è stato difficile. A immortalare l'atto, infatti, è stato un video pubblicato e poi cancellato nelle Stories di Instagram, diventato subito virale. Il video ritraeva il 18enne, sulle note di Vivaldi, mentre strappava i fiori deposti sul monumento, e conteneva anche dei 'tag' che lasciavano intendere la presenza di altre persone.

"Un atto dovuto - commenta la vicesindaco Letizia Budri a proposito della denuncia presentata - perché gesti come questo non rimangano impuniti e non si ceda di un passo rispetto a condotte incivili e vigliacche, che diversamente rischiano di passare nell'indifferenza generale o, peggio, venire minimizzate".

La disapprovazione generale

Il ragazzo ha immediatamente consegnato le sue dimissioni ed è stato espulso dal Partito: "quello del neo eletto segretario dei Gd Area Nord, è un gesto che offende tutti noi emiliani, che abbiamo vissuto il sisma, e in particolar modo le vittime e i loro cari - ha detto il segretario provinciale Roberto Solomita - è un gesto di gravità inaudita che ci lascia sconcertati e che condanniamo senza mezzi termini, nel modo più fermo e duro".

Dura anche la critica della Lega: "Un atto vergognoso e offensivo verso le 28 vittime del terremoto, e nei confronti dei ragazzi delle scuole medie e dell’Agesci che per il decennale del Sisma Emilia hanno realizzato l’opera in piazza a Mirandola", ha scritto il deputato modenese Guglielmo Golinelli in un post su Facebook.

La Federazione dei Giovani Democratici di Modena ha aggiunto: "Non possiamo che dissociarci dall'atto compiuto nella notte tra il 10 e l'11 agosto ai danni del memoriale alle vittime del sisma del 2012 al Teatro Nuovo di Mirandola".

L'opera

L’opera era stata realizzata nel decennale del sisma dagli scout Agesci di Mirandola e dagli studenti delle scuole Montanari: "ha un significato simbolico importante per il nostro territorio — affermano il segretario Pd Mirandola Marco Azzolini, il capogruppo Pd in Consiglio comunale a Mirandola Roberto Ganzerli e il responsabile Pd Bassa modenese Simone Silvestri — pertanto questo atto offende tutta la comunità mirandolese e dell’area Nord".

Cosa abbia spinto il 18enne a compiere questo gesto non sembra dato saperlo. C'è chi suppone che il ragazzo fosse ubriaco e sia stato ripreso a sua insaputa e chi che si tratti di un gioco che sta diventando virale sul web: imbrattare i monumenti. Qualunque sia la risposta, il gesto non è in alcun modo giustificabile.

Le scuse

"Vorrei dire pubblicamente che mi assumo la piena responsabilità di quanto ho fatto. Chiedo scusa ai miei genitori per aver tradito i loro insegnamenti, alla comunità politica del PD della quale faccio parte e alla quale ho presentato subito le dimissioni come segretario neoeletto dei GD e infine alla comunità mirandolese che mi ha accolto. Ci tengo solo a precisare che è stato unicamente un gesto da irresponsabili che però non aveva assolutamente come obiettivo quello di ledere la memoria delle vittime del terribile terremoto del 2012".

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter