Cronaca
L'operazione della Guardia di Finanza

Procuratore sportivo nei guai: dichiarava 5mila euro di reddito ma aveva milioni in conti esteri

L'indagato ha anche comprato una società sportiva italiana...

Procuratore sportivo nei guai: dichiarava 5mila euro di reddito ma aveva milioni in conti esteri
Cronaca Modena, 16 Maggio 2022 ore 12:01

Nel corso della mattinata, su delega della Procura della Repubblica, la Guardia di Finanza di Modena ha dato esecuzione a un decreto di sequestro preventivo, anche per equivalente, di disponibilità immobiliari all'estero, fino a concorrenza di circa 7 milioni di euro.

Procuratore sportivo nei guai: dichiarava 5mila euro di reddito ma aveva milioni in conti esteri

Il provvedimento cautelare odierno è stato emesso dal Giudice per le indagini preliminari di Modena all'esito di un'articolata attività di indagine, intrapresa nei confronti di un professionista operante come procuratore sportivo formalmente iscritto all'Aire in quanto residente nel Principato di Monaco, nel cui ambito sono state eseguite specifiche attività di perquisizione e sequestro, indagini finanziarie, nonché rogatorie internazionali che consentivano di acquisire copiosa documentazione bancaria, contabile ed extracontabile. Il compendio complessivo delle fonti di prova orali e documentali ha permesso di acquisire un grave quadro indiziario per ritenere che:

  • L'indagato svolgesse sul territorio nazionale l'attività professionale con prestazioni soggette a tassazione in Italia, a favore di società sportive nazionali;
  • Il trasferimento della residenza all'estero fosse fittizio, avendo l'indagato conservato in Italia un rilevante centro di interessi economici, famigliari e sentimentali
  • Il professionista avesse costituito un'articolata struttura societaria artatamente creata allo scopo di compiere reati fiscali, finalizzata alla schermatura dei proventi percepiti, allocata per sole finalità evasive nel Principato di Monaco e in Lussemburgo e formalmente intestata a un gruppo di prestanome dell'indagato.

All'esito degli accertamenti, svolti dai finanzieri del Nucleo di Polizia economico-finanziaria di Modena, sono stati contestati al contribuente maggiori redditi per oltre 13 milioni di euro, a fronte di redditi dichiarati sempre inferiori ai 5mila euro annui, con riferimento alle annualità dal 2009 al 2017.

L'ufficio procede anche nei confronti dell'indagato per i reati di dichiarazione fraudolenta ai fini delle Imposte dirette e di omessa dichiarazione ai fini dell'Iva. L'imposta evasa, ai soli fini penali è stata complessivamente quantificata in oltre 1,8 milioni di euro.

L'esame della documentazione acquisita, inoltre, ha consentito di accertare la sussistenza di gravi indizi del reato di "autoriciclaggio", in ipotesi commesso dallo stesso indagato, il quale, celando la provenienza delittuosa delle proprie disponibilità mediante il ricorso a strutture societarie e conti esteri, ha impiegato, sostituito e trasferito, in attività economiche, finanziarie, imprenditoriali o speculativa i frutti, prodotti, proventi dei reati fiscali presupposti, dirottando detti fondi per l'acquisto di una società sportiva nazionale, provvedendo al successivo finanziamento della stessa o di altre società. Complessivamente le somme oggetto del delitto ipotizzato di autoriciclaggio sono state ricostruite in circa 5 milioni di euro.

Le successive indagini patrimoniali effettuate dalle Fiamme Gialle modenesi hanno consentito di individuare all'estero disponibilità immobiliari di ingente valore riconducibili ancora una volta, per il tramite di società immobiliari, allo stesso indagato. Detti immobili, grazie alla piena, celere e immediata collaborazione delle autorità del Principato di Modena, in esecuzione del decreto di sequestro preventivo per equivalente, attraverso un'attività rogatoriale che ha visto il coinvolgimento di Eurojust, sono state sottoposte a vincolo cautelare, sino a concorrenza dell'importo di oltre 6,7 milioni di euro.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter