Attualità
L'Emilia-Romagna non dimentica

Il Professor Marco Biagi diventa cittadino onorario di Modena

La cerimonia per il riconoscimento della cittadinanza onoraria al professor Biagi nel corso della seduta del Consiglio comunale modenese.

Il Professor Marco Biagi diventa cittadino onorario di Modena
Attualità Modena, 21 Marzo 2022 ore 10:31

Venti anni fa, il 19 marzo 2002, Marco Biagi cadeva vittima di un vile attentato terroristico a Bologna, davanti a casa.

La cittadinanza onoraria al professor Biagi

MODENA - L'Emilia-Romagna non lo dimentica. Attraverso omaggi sinceri, sentiti, che dimostrano una volta di più quanto la sua figura sia radicata nel pensiero e nel ricordo della nostra comunità.

La cerimonia durante il Consiglio comunale di Modena

Il presidente Stefano Bonaccini ha voluto presenziare alla seduta del Consiglio comunale di Modena, assieme al sindaco Gian Carlo Muzzarelli, al Magnifico Rettore Carlo Adolfo Porro ed al ministro Patrizio Bianchi, per la cerimonia per il riconoscimento della cittadinanza onoraria al professor Biagi.

Il ricordo del professore nelle parole del presidente Bonaccini

"Era un innovatore e un precursore - dichiara Bonaccini - Il suo pensiero risulta sempre più attuale. Mai come oggi dobbiamo porre l'attenzione al concetto di qualità del lavoro, con una priorità su tutte: creare nuova e buona occupazione. Con adeguate garanzie per i lavoratori stessi e tutte le professionalità, donne e uomini. Un'attenzione dedicata in particolare ai giovani, che rischiano sempre il prezzo più alto. Biagi fu tra i primi a farlo, in netto anticipo sui tempi, purtroppo in gran parte incompreso.

Intellettuale, studioso, marito e padre di famiglia. Nulla potrà mai colmare il vuoto che da vent'anni vive la famiglia di Marco Biagi. A nome della Regione e di tutta la comunità emiliano-romagnola, rivolgo un caro abbraccio alla moglie Marina Orlandi Biagi e ai figli Lorenzo e Francesco, testimoni coraggiosi dell'eredità umana e professionale del professor Biagi. A loro ed a tutti i familiari di Marco, voglio dire che saremo sempre al loro fianco."

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter